Cable wakeboard, i risultati del sabato tricolore al Turin Wake Park

News Wakeboard

Pubblicato il: 07/07/2019



Al culmine di una settimana vissuta all’insegna del cable wakeboard, il Turin Wake Park di Settimo Torinese ha ospitato ieri i Campionati Italiani di Categoria, importante appuntamento per una trentina di atleti di età compresa tra gli 11 e i 45 anni e provenienti da varie regioni. «I migliori specialisti del nostro paese – aveva sottolineato Luciano Serafica, presidente della FISW – Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard – in particolare, vedremo in gara tanti giovani, presente e futuro della disciplina in Italia». Lunedì e martedì scorsi il centro alle porte di Torino ha ospitato un camp dedicato ad atleti paralimpici condotto dal campione mondiale Emanuele Pagnini. Da mercoledì a venerdì ha invece accolto un raduno nazionale, con gli atleti della squadra azzurra guidati dai tecnici federali Alberto Della Beffa e Ludovico Vanoli.

Tutti sono stati protagonisti ai Campionati Italiani. In particolare Vanessa Tittarelli, anconetana e tesserata per la società Wakeland, 11 anni e vincitrice di tre titoli tricolori: wakeboard nelle categorie Girls e Open e wakestate Junior. Doppiette d’oro per Alessandro D’Agostino (Turin Wake Park), primo nel wakeboard Boys e nel wakeskate Junior, e Leonardo Gatti (Wakeland), a segno nel wakeboard Junior e Open. Completano il quadro dei nuovi campioni italiani Luca Polidoro (Wakeland) e Rolando Fociani (Veneto Cable Park Treviso), oro nel wakeboard Masters e Veterans rispettivamente, e Maurizio Marassi (Wakeparadise Milano), primo nel wakeskate Open.

Wakeskatewakeboard differiscono tra loro per la presenza o meno di attacchi sulla tavola, assenti nel wakeskate dove gli atleti poggiano i piedi su un grip antiscivolo. In entrambe i rider percorrono un giro completo del lago compiendo varie acrobazie sulle strutture galleggianti, oppure rotazioni e salti mortali in aria. Le difficoltà tecniche delle manovre, la loro esecuzione e lo stile vengono valutati da una giuria e nel corso delle qualifiche gli atleti hanno a disposizione due giri di campo (non consecutivi), di cui ai fini della classifica viene considerato soltanto il migliore. I primi accedono così alle finali.

Per quanto riguarda il collegiale dei giorni scorsi è da sottolineare la convocazione di quattro piemontesi, “di casa” proprio al Turin Wake Park: Fabrizio Cicerale, classe 1986 e veterano del gruppo, i fratelli Alessandro e Daniele D’Agostino, 14 e 15 anni rispettivamente, e Camilla Barra, altro giovane talento. I primi tre sono stati convocati per gli Europei nelle ultime due stagioni e quest’anno per i Mondiali, disputati in Argentina. A livello nazionale detengono titoli e medaglie di categoria, con Alessandro e Fabrizio saliti sul podio anche agli Assoluti. Camilla ha 14 anni, l’anno scorso ha partecipato ai Campionati Europei e come i compagni di squadra vanta medaglie in eventi nazionali. Al raduno sono stati convocati anche gli altri azzurri Claudia Pagnini, campionessa mondiale Junior, Riccardo De Tollis, campione europeo Junior e bronzo europeo Open, Leonardo Gatti, Noah Gessi, Vanessa Tittarelli e Riccardo Vetrano.

Ad accoglierli è stato il Turin Wake Park, che già nel 2017 aveva accolto i Campionati Italiani di Categoria di cable wakeboard e che l’anno scorso aveva invece organizzato gli Assoluti e la finale di Cable Cup. Dal 2017 può contare su un impianto full size – in pratica uno “skilift” sopraelevato che si muove lungo un cavo seguendo una linea poligonale – in grado di trainare sei corde e quindi sei persone contemporaneamente. «All’apertura del centro nel 2014 erano presenti due impianti più tradizionali – spiega Fabrizio Cicerale, che oltre a essere atleta è anche allenatore e gestore della struttura – il full size ha però rivoluzionato l’attività dei nostri wakeboarder». Affiliato alla FISW e all’avanguardia per quanto riguarda il cable wakeboard, il Turin Wake Park offre numerosi altri servizi e attività sportive; rappresenta un’oasi di estate e di relax lontana dal mare, unica in Piemonte e tra le più conosciute e innovative in Italia.

Foto di Andrea Gilardi

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni