Tiro con l’Arco: Giochi Europei, medaglia d’oro per Tatiana Andreoli

News Tiro con l'Arco

Pubblicato il: 26/06/2019



Sventola la bandiera tricolore, risuona l’inno nazionale italiano nel cielo di Minsk, capitale della Bielorussia e sede della seconda edizione dei Giochi Europei. Il merito è di Tatiana Andreoli e Lucilla Boari, medaglia d’oro e d’argento rispettivamente nella prova individuale di arco olimpico, al termine di una finale tutta azzurra. 7-1 il punteggio conclusivo della sfida, in favore della ventenne arciera torinese della Iuvenilia, frutto dei quattro parziali di 28-25, 28-28, 26-22 e 26-25. “È stata una grandissima emozione” commenta Tatiana, “anche perché alla vigilia della competizione non mi aspettavo di salire sul gradino più alto del podio. Sapevo che stavo tirando bene durante i match, ma il mio obiettivo era classificarmi tra le prime otto; sarebbe stato comunque un premio per il lavoro che stiamo portando avanti, una dimostrazione di come la strada intrapresa sia quella giusta. Poi però ho proseguito la corsa, quasi senza rendermi conto che stavo arrivando a giocarmi la medaglia d’oro. Oltretutto contro una compagna di squadra…”. Tatiana Andreoli e Lucilla Boari hanno condiviso la linea di tiro in più occasioni da avversarie e molte più volte in allenamento, quotidianamente al Centro Federale di Cantalupa dove entrambe si sono trasferite ormai diversi anni fa sfruttando il progetto della Scuola Federale FITARCO.

Oggi sono salite sui due gradini più alti del podio, raccogliendo altre due medaglie per la spedizione italiana di tiro con l’arco, dopo l’oro del mixed team firmato Nespoli e Boari e il bronzo a squadre di Galiazzo, Nespoli e Pasqualucci. Splendida la cavalcata verso la finale di Tatiana Andreoli, protagonista di sfide estremamente combattute. Nella prima giornata di frecce ha concluso la qualifica al 12esimo posto con 645 punti, qualificandosi per il secondo turno degli scontri diretti. Qui ha eliminato allo shoot off la bielorussa Hanna Marusava (punteggio 6-5 9*-9), accedendo agli ottavi dove si è nuovamente imposta allo shoot off – dopo una doppia freccia di spareggio – contro la francese Audrey Adiceom (6-5 10-10 9*-9). Ai quarti ha superato 6-4 la russa Inna Stepanova, in semifinale 6-2 l’olandese Ana Gabriela Bayardo, entrambe avversarie con grande esperienza internazionale.

“Le statistiche non erano dalla mia parte perché contro la Adiceom ho sempre perso, l’ultima volta pochi giorni fa ai Mondiali” prosegue la giovane atleta torinese, “anche contro la Stepanova, a livello individuale o mixed team, avevo sempre perso. Ho cercato semplicemente di giocarmela, pensando che non avevo nulla da perdere ma tutto da guadagnare”. “Lo shoot off con la Adiceom è stato una piccola soddisfazione” continua Tatiana, “lei ha fatto 10 e io ho risposto con una X, frutto sicuramente del lavoro svolto finora. Poi abbiamo tirato nuovamente (secondo regolamento, visto che con 10-10 allo shoot off si procede con una nuova freccia di spareggio) e ho passato il turno”. “Lo scontro della semifinale contro Gaby (Bayardo) è stato molto particolare” aggiunge, “siamo amiche e conosco il suo potenziale, ma l’unica cosa che contava era accedere alla finale”.

Nell’ultimo match ha quindi affrontato e battuto l’amica e compagna di squadra, anche lei protagonista di un percorso praticamente perfetto. Bellissimo l’abbraccio finale tra le due, quindi la dedica speciale di Tatiana al nonno – “dall’alto ha pregato per questo giorno” – e “a tutti coloro che hanno contribuito a questo risultato”. Risultato che rappresenta un nuovo trampolino di lancio verso l’obiettivo numero 1: Tokyo 2020. “Stiamo lavorando per avere una squadra unita e vincente” conclude Tatiana, “è importante sostenersi, attraverso l’unione riusciremo a limitare gli errori e le debolezze. Possiamo arrivare lontano; al Mondiale non è andata come speravamo ma adesso abbiamo tempo per lavoare su ciò che non ha funzionato e l’anno prossimo riproveremo a qualificarci per le Olimpiadi”.

La pagina dell’evento sul sito FITARCO a questo link

Foto in alto di World Archery

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni