Volley Parella Torino, serata di playoff e sogno promozione

News Pallavolo

Pubblicato il: 18/05/2019



La foto con i giocatori del Volley Parella Torino che esultano e si caricano in mezzo al campo è una perfetta definizione della parola “grinta”. Lo afferma con orgoglio e soddisfazione la stessa società attraverso la propria pagina social; non è presunzione, è un dato di fatto. Perché se stasera i ragazzi del Parella si giocheranno la promozione sul campo di casa – l’appuntamento è alle 21 alla palestra Manzoni di corso Svizzera, ingresso gratuito – il merito è soprattutto della determinazione con cui hanno affrontato gara 1 nella trasferta di sabato scorso, conquistandola al tie break e procurandosi il primo match point nella serie finale contro i Diavoli Rosa Brugherio. Una sorta di impresa, dal momento che il palazzetto della formazione lombarda non era stato espugnato neppure una volta in stagione. «Contava vincere – afferma coach Luigi Pezzoli – ed esserci riusciti con una prestazione del genere ci ha sicuramente dato ancor più fiducia delle nostre possibilità. La squadra ha confermato una volta di più il suo carattere, la sua voglia di lottare e di non mollare mai».

Volley Parella e Diavoli Rosa sono due formazioni abbastanza simili, forti in battuta e a muro, mai arrendevoli e spesso capaci di esprimere il loro miglior gioco nelle situazioni di difficoltà. Sotto di un set e di qualche punto nella seconda frazione, i padroni di casa hanno reagito e pareggiato il conto dei parziali. «Potevamo cedere mentalmente per aver mancato un vantaggio importante – prosegue coach Pezzoli – invece i ragazzi hanno dato prova di forza nel terzo set, vincendolo con rabbia e concretezza. Stesso discorso nel tie break, conquistato dopo un avvio non semplice e dopo una quarta frazione nella quale i nostri avversari erano saliti di livello».

Il punto dell’1-0 assicura ai torinesi la prima occasione per chiudere la serie e volare in A3, la nuova categoria a due gironi istituita per la prossima stagione. Un vantaggio non trascurabile che però potrà concretizzarsi soltanto ripetendo la prestazione di pochi giorni fa, eventualmente migliorando alcuni aspetti tecnici e tattici analizzati in settimana. «Penso che uno dei punti di forza di questo gruppo sia il suo continuo desiderio di crescere e di perfezionarsi – spiega il tecnico parellino – abbiamo chiuso al primo posto la regular season e abbiamo vinto gara 1 della finale, ma stiamo lavorando per fare ancora meglio stasera».

Tutti, a Torino, si attendono una partita complicata, una battaglia aperta a qualsiasi risultato, contro un avversario “ferito” e in cerca di rivincita. La Manzoni è pronta ad accoglierlo in una bolgia rossoblu colorata e assordante. Il tempo non ha cancellato dalla memoria degli appassionati quella splendida serata di fine aprile di tre anni fa, quando il Volley Parella Torino conquistò la promozione in A2 (pur senza concretizzarla sul campo nella stagione successiva). Di quella squadra sono ancora oggi in rosa Mazzone, titolare già nel 2016, Filippi e Martina, che da ottime riserve sono diventati colonne del team.

Non sono gli unici giocatori ad aver provato emozioni del genere e, tra i compagni di squadra, alcuni ne hanno vissute a livello giovanile. A proposito, quattro torinesi giocheranno domani la final four del campionato regionale under 18. Alle 10 a Fara Novarese disputeranno la semifinale contro Cuneo e in caso di vittoria si sposteranno a Romagnano Sesia per la finale. Prima però cercheranno di regalare a sé stessi e al pubblico una nuova soddisfazione.

L’ultimo gradino a coronamento di una grande stagione
Chi pratica sport vive per momenti come quello che stasera vivranno Volley Parella Torino e Diavoli Rosa Brugherio. Una partita di playoff, una sfida “dentro-fuori” che porta naturalmente con sé stimoli particolari. Coach Luigi Pezzoli ne ha vissute tante in carriera e molte le ha vinte. Per esempio a Cuneo, quando ha conquistato lo scudetto under 18 della stagione 2006-2007, oppure a Busca, quando ha ottenuto una doppia promozione dalla serie D alla B2 tra 2011 e 2013; anche a livello internazionale, sulla panchina della nazionale Svizzera, da “vice” di Mario Motta. «Ho vissuto esperienze molto formative, sia da primo allenatore sia lavorando come assistente – afferma il tecnico rossoblu – credo che in partite così importanti un allenatore debba innanzitutto analizzare con lucidità le situazioni, per trasmettere idee chiare e fiducia ai propri giocatori».

Per questo la preparazione alla partita di stasera è stata assolutamente “normale” per il Parella, che negli ultimi giorni ha proseguito sulla strada intrapresa ormai parecchi mesi fa. Il buon lavoro svolto ha dato vita a un percorso costellato di vittorie – sedici consecutive, considerando la regular season e gara 1 a Brugherio, senza neppure una sconfitta nel 2019 – che hanno alimentato la consapevolezza della squadra. «I tanti successi hanno forse nascosto i momenti complicati che abbiamo attraversato in diverse partite – prosegue coach Pezzoli – ma ogni difficoltà è stata per noi un piccolo banco di prova e proprio il fatto di averli superati tutti ci ha ha dato forza per arrivare fino a questo punto, fiduciosi di poter giocare alla pari anche la finale».

Manca ovviamente l’ultimo scalino, che i torinesi proveranno a salire oggi. Le ore che precederanno la sfida saranno cariche di adrenalina, di quella tensione positiva che permette di giocare con lucidità nei momenti decisivi, come accaduto sabato scorso in Lombardia. Stasera alla palestra Manzoni di Torino l’atmosfera sarà elettrica e il tutto esaurito la renderà incandescente.

Luca Bianco

Foto di Marco Parella

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni