Pallanuoto: Torino-Ancona alla piscina Monumentale “si fa rete”

News Pallanuoto

Pubblicato il: 18/05/2019



Lo sport è agonismo, combattimento leale e senza armi, divertimento. È un momento di incontro e di condivisione, di passione e di valori; e oggi pomeriggio alla piscina Monumentale di Torino sarà protagonista in tutte le sue sfaccettature. In campo si sfideranno Reale Mutua Torino 81 Iren e Vela Nuoto Ancona, rispettivamente seconda e terza nella classifica del girone nord di A2, una di fronte all’altra nella penultima giornata della stagione regolare. Una partita che promette spettacolo, con i gialloblu padroni di casa già qualificati per i playoff ma desiderosi di blindare il secondo posto e i marchigiani, invece, ancora in lotta per accedere alla post season. Fuori dall’acqua, nell’atrio dell’impianto e nell’ampio spazio al primo piano, almeno quindici associazioni – sportive e non – impegnate nell’ambito delle disabilità saranno presenti con i loro stand e i loro volontari.

L’iniziativa è organizzata dall’ES Istituto Medicina Integrata, struttura medica polispecialistica ambulatoriale che eroga prestazioni sanitarie con finalità di prevenzione, diagnosi, cura, assistenza ecc. «L’obiettivo è dare alle varie associazioni la possibilità di incontrarsi, di conoscersi tra loro e di presentarsi alle tante persone che arriveranno alla Monumentale per assistere alla partita – spiega Andrea Frediani, psicologo e psicoterapeuta dell’Istituto Medicina Integrata – ci sono famiglie che devono quotidianamente confrontarsi con le problematiche legate alla disabilità ma che spesso non sanno a chi rivolgersi; per questo motivo abbiamo pensato a una giornata come quella di sabato, alla quale parteciperanno anche alcune scuole».

Le attività inizieranno intorno alle 15.30, proseguiranno per tutto l’incontro del campionato di A2 – al via alle 16.30 e come sempre a ingresso gratuito – e termineranno verso le 18. Per molti sarà anche un’occasione per avvicinarsi alla pallanuoto, motivo per cui in una zona della tribuna alcuni “addetti ai lavori” spiegheranno il gioco a chi non l’ha mai seguito. «Siamo felici di ospitare una simile iniziativa perché crediamo sia importante sensibilizzare e agire per aiutare chi è in difficoltà – afferma Marco Raviolo, vicepresidente della Torino 81 – da atleti e persone che vivono ogni giorno lo sport pensiamo che questo sia un importante strumento di benessere psico-fisico e di riabilitazione, oltre che un veicolo di messaggi importanti».

La Torino 81 sta studiando la realizzazione di un progetto di waterpolo ability, per lo sviluppo della pallanuoto dedicata alle persone con disabilità. A fine giugno la squadra master gialloblu incontrerà in amichevole la formazione della Granda Waterpolo Ability, in un significativo momento di sport e inclusione.

La sfida tra Reale Mutua Torino 81 Iren e Vela Nuoto Ancona
Mancano due giornate al termine della regular season del campionato di serie A2. La Reale Mutua Torino 81 Iren è seconda nella classifica del girone nord e già matematicamente qualificata ai playoff, traguardo che la Vela Nuoto Ancona – terza in graduatoria – deve ancora raggiungere. Sabato i marchigiani arriveranno quindi alla piscina Monumentale con ua carica particolare, anche perché Bologna e Lavagna, rispettivamente quarta e quinta, incalzano a distanza minima. Alla Torino 81 basta un punto per blindare la seconda piazza alle spalle della capolista Camogli, ma è chiaro che i gialloblu punteranno alla vittoria, per riscattare l’ultimo passo falso di Bologna e per avvicinarsi alla post season con ulteriore fiducia. La sfida di andata tra Torino e Ancona si risolse con un successo di misura dei piemontesi, perfetti per tre quarti e mezzo e poi bravi a contenere la rabbiosa reazione dei padroni di casa negli ultimi minuti. «Fu un risultato molto importante perché maturato al termine di un’ottima prestazione, che ci diede maggiore consapevolezza dei nostri mezzi in un momento importante della stagione – ricorda coach Simone Aversa – da quel match ripartimmo per la striscia di vittorie (sette consecutive ndr) che ci ha condotto ai playoff».

In vista delle sfide decisive del campionato i gialloblu stanno lavorando con intensità in settimana, pagando inevitabilmente qualcosa a livello di brillantezza in partita. Così è stato a Bologna, dove il match si è deciso negli ultimi due minuti in favore degli emiliani, più “affamati” di punti vista la situazione di classifica. Nell’occasione i ragazzi di coach Aversa hanno conquistato parecchie superiorità numeriche – a dimostrazione di una buona produzione offensiva – sfruttandone però soltanto una piccola parte. L’uomo in più sarà quindi una situazione da migliorare nella prossima partita, dove sarà importante anche l’approccio per allenare la “mentalità” in vista dei playoff. «Ancona è un’ottima squadra – prosegue il tecnico torinese – può contare su ragazzi che giocano insieme da molto tempo, cui si sono aggiunti pochi innesti mirati. Sono un gruppo compatto, molto ben plasmato da coach Igor Pace».

La Torino 81 risponderà ovviamente con la propria tecnica, fisicità ed esperienza, con il proprio mix di giocatori “storici” e giovani. Tre di loro – Fabio Gattarossa, Eduardo Capobianco e Alessandro Cialdella – torneranno in campo alla Monumentale anche domenica e lunedì nei quarti di finale del Campionato Nazionale under 20. In panchina saranno guidati da coach Ivan Vuksanovic, che sabato si tufferà invece in acqua insieme a loro, in una sfida che si preannuncia scintillante.

Luca Bianco

Foto di Tonello Abozzi

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni