Scherma: Piemonte sul tetto del mondo a livello giovanile

News Scherma

Pubblicato il: 13/04/2019



Federica Isola, Enrico Piatti, Gaia Caforio. Due ori e un argento. Il Piemonte è padrone della spada ai Campionati Mondiali Giovani e Cadetti di scherma in corso a Torun, in Polonia. Al termine di una finale tutta italiana Federica Isola ha conquistato il titolo iridato under 20 nell’ultima gara utile, superando 15-12 Gaia Traditi. Classe 1999, tesserata per l’Aeronautica Militare ma di casa alla Pro Vercelli dove si allena con il maestro Massimo Zenga, nel tabellone a eliminazione diretta Federica ha superato la polacca Domnika Pawlowska, la romena Alexandra Predescu, la giapponese Ruka Narita, l’estone Karoliine Loit e la sud coreana Kim Sieun in semifinale. Ha dominato la gara, bissando il titolo europeo conquistato a Foggia un mese fa e confermandosi come vincitrice della Coppa del Mondo Under 20, già vinta l’anno scorso.

Finale tutta azzurra anche tra gli under 17, dove Enrico Piatti ha sconfitto 15-6 Dario Remondini. Il giovane spadista tesserato per l’ISEF Eugenio Meda di Torino, allenato dal maestro Maurizio Mencarelli, ha esordito in tabellone contro l’atleta di Hong Kong Lau Yee Hang, quindi ha superato il greco Theodoros Avramidis, l’egiziano Mohamed Esayed, il russo Vladimir Tolosov e in semifinale l’altro russo Kirill Gurov.

Si è fermata all’ultimo atto, invece, Gaia Caforio, portacolori dell’Accademia Scherma Marchesa cui l’oro Cadette è sfuggito per una sola stoccata (15-14) contro l’ungherese Eszter Muhari. In precedenza Gaia aveva battuto la lussemburghese Anna Zens, la canadese Guo Zi Shan, la statunitense Jessica Lin, la russa Anastasia Balyagina e in semifinale la polacca Zofia Janelli. Da segnalare, infine, il quinto posto under 17 di Simone Mencarelli (ISEF Eugenio Meda), sconfitto 15-14 ai quarti dal finlandese Akseli Heinamaa.

Foto Bizzi Team/Federscherma

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni