Nuoto: Assoluti, Alessandro Miressi è di nuovo campione italiano

News Nuoto

Pubblicato il: 05/04/2019



Alessandro Miressi è da tempo il re dei 100 stile libero in Italia. Anche in Europa, dal momento che detiene il titolo continentale, conquistato l’estate scorsa a Glasgow. Ieri nella terza giornata dei Campionati Italiani Assoluti Primaverili il suo trono ha vacillato per una settantina di metri, prima che la sua inarrestabile progressione lo riportasse in testa fino a toccare per primo la piastra d’arrivo. 48’’32 il tempo del ragazzo torinese di Fiamme Oro e Centro Nuoto Torino, classe 1998 e sempre allenato da Antonio Satta, il tecnico che l’ha cresciuto e accompagnato nell’elite internazionale. 48’’32, quattro centesimi meglio del crono che gli aveva regalato il titolo assoluto dodici mesi fa, proprio allo Stadio del Nuoto di Riccione, e quattro decimi più lento rispetto al record nazionale di 47’’92 stabilito l’estate scorsa ai Campionati Italiani di Categoria a Roma.

“Peccato per aver mancato di pochi centesimi il limite per la qualificazione ai Mondiali (48’’2, imposto dalla federazione italiana, ndr) – ha commentato a caldo – ma sono soddisfatto perché confermarsi è sempre difficile e in qualche modo ce l’ho fatta, in una finale combattuta e di alto livello”. Il pass per l’evento iridato di Gwangju (21-28 luglio) è comunque arrivato per la staffetta 4×100 stile (tempo limite 48’’7), ma anche la partecipazione alla prova individuale dei Mondiali non dovrebbe essere in discussione. Del resto ieri “Mire” ha dimostrato una volta di più di essere attualmente il migliore nella gara regina.

Ha nuotato forte nella prima metà di gara (23’’33 al passaggio) ma senza esagerare; e con una vasca di ritorno da 24’’99 – la migliore tra tutti i finalisti – è risalito dalla quinta alla prima posizione, precedendo sul podio il sorprendente Manuel Frigo (Team Veneto, 48’’56) e l’italo canadese Santo Yukio Condorelli (Aurelia Nuoto, 48’’57). Quest’ultimo è scappato nei primi 50 metri con un passaggio velocissimo in 22’’49, pagando l’accelerazione iniziale negli ultimi metri e chiudendo al terzo posto.

Quella di Alessandro Miressi è stata la seconda medaglia torinese degli Assoluti, che nella prima giornata hanno visto sul podio Luisa Trombetti, terza nei 400 misti. La nuotatrice torinese classe 1993, tesserata per Fiamme Oro e Rari Nantes Torino, in nazionale alle Olimpiadi di Rio 2016 e agli Europei dello stesso anno, ha chiuso in 4’42’’92. Si è piazzata alle spalle della vicecampionessa europea di specialità Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto, 4’37’’45) e dell’altra azzurra Carlotta Toni (Esercito/RN Florentia, 4’42’’33). Terza dopo i primi 100 metri a delfino, ha perso una posizione nella frazione a dorso, prontamente recuperata nelle successive due vasche a rana. Ha quindi mantenuto la posizione negli ultimi 100 a stile libero, recuperando parecchio nei confronti di Carlotta Toni senza però riuscire a completare la rimonta.

Nei 100 farfalla ha invece sfiorato la medaglia l’altra torinese Aurora Petronio (Fiamme Gialle/Rari Nantes Torino), che con il tempo di 59’’70, non lontano dal personale di 59’’46 stabilito agli Assoluti primaverili del 2017, è rimasta ai piedi del podio per un solo centesimo. I Campionati Italiani si chiuderanno domani, mentre domenica – sempre a Riccione – si gareggerà per la finale del Campionato Nazionale a Squadre – Coppa Brema, nella quale la formazione maschile del Centro Nuoto Torino andrà a caccia del podio già conquistato nella passata stagione.

Risultati completi a questo link

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni