Rugby: il Sei Nazioni di Camilla Sarasso

News Rugby

Pubblicato il: 24/03/2019



Per un’Italia del rugby che fatica a trovare soddisfazioni – almeno a livello di risultati sul campo – ce n’è un’altra vince e si propone come una delle migliori in Europa e nel mondo. Per un gruppo azzurro maschile che ha recentemente concluso il Sei Nazioni senza vittorie e con il “cucchiaio di legno” c’è quello femminile che invece il Sei Nazioni l’ha vissuto da protagonista, conquistando tre successi e un pareggio e piazzandosi al secondo posto alle spalle della sola fortissima Inghilterra. Nessuna rappresentativa azzura prima d’ora aveva fatto meglio nel torneo e tra le firme dell’impresa c’è anche quella di una ragazza piemontese: Camilla Sarasso, biellese e classe 1996, giocatrice di serie A con la maglia dell’Itinera CUS Ad Maiora Rugby 1951.

In passato aveva partecipato ad alcuni collegiali, a novembre ha vestito per la prima volta la maglia della nazionale in amichevole, contro Scozia e Sudafrica; nell’anno nuovo ha ricevuto la convocazione per tutte le partite del Sei Nazioni, partecipando ai raduni, viaggiando con la squadra e scendendo in campo due volte, contro Inghilterra e Francia. Ha vissuto le sue prime trasferte internazionali (a Glasgow e Exeter) e in generale negli ultimi due mesi è rimasta a casa soltanto pochi giorni, portando con sé i libri dei corsi di medicina per studiare nei ritagli di tempo e rimanere al passo con l’università.

“Dopo le prime esperienze dello scorso autunno sono entrata più stabilmente nel giro della nazionale, mi sono ambientata e ho conosciuto meglio le altre ragazze del gruppo” spiega Camilla, “è stata una bellissima soddisfazione e un’importante occasione di crescita”. “Tra i punti di forza della nostra nazionale ci sono l’organizzazione tecnica e tattica e soprattutto la determinazione e il carattere” prosegue Camilla, “a livello fisico probabilmente alcune nazioni ci sono superiori, ma la concentrazione e la capacità di mantenere elevato il livello di gioco ci hanno permesso di colmare questo divario”.

L’Italia ha esordito nel Sei Nazioni il primo febbraio con un largo successo sulla Scozia, poi ha ottenuto un pareggio con il Galles, in una partita senza mete e chiusa con l’insolito punteggio di 3-3. Ha quindi ottenuto una storica vittoria contro l’Irlanda, grazie a una prestazione solidissima, e si è poi arresa all’Inghilterra, formazione che schiera giocatrici professioniste. Domenica scorsa si è quindi giocata il secondo posto in classifica nel match contro la Francia. Alla selezione guidata da Andrea Di Giandomenico serviva un successo con almeno quattro mete, per incamerare il bonus e sorpassare le transalpine nella graduatoria.

“Non partivamo favorite e storicamente la Francia ci aveva quasi sempre battuto” aggiunge Camilla, “ma abbiamo disputato una prova perfetta e senza errori, che ci ha permesso di ribaltare il pronostico”. Anche Camilla ha avuto spazio, ha calcato il prato di Padova negli ultimi minuti della sfida godendosi appieno la festa azzurra e coronando un periodo intenso e pieno di soddisfazioni. Assolutamente da ripetere.

Luca Bianco

Per saperne di più leggi anche questo articolo

Riparte la serie A
Conclusa l’avventura in nazionale, Camilla Sarasso tornerà oggi a vestira la maglia dell’Itinera CUS Ad Maiora 1951 nella 13esima giornata di serie A. Le cussine ospitano il Rugby Riviera a partire dalle 14.30 e vanno a caccia di una vittoria che potrebbe riportarle al quarto posto, visto il contemporaneo impegno della Benetton Treviso contro l’imbattibile capolista Villorba. Le torinesi non disputano partite di campionato dal 27 gennaio e negli ultimi due mesi hanno lavorato per mettere a punto alcune situazioni e ripresentarsi in forma nella volata per il quarto posto.

Ultimamente si è giocato poco anche in serie A maschile, dove il CUS Ad Maiora ha conquistato la seconda posizione battendo la capolista Piacenza nella prima domenica di marzo. Dopo tre settimane i biancoblu tornano in campo nel derby esterno contro il TK Group VII Torino, formazione che cerca importanti punti-salvezza. Nella gara di andata i cussini vinsero con una meta allo scadere e iniziarono la loro corsa ai vertici della classifica.

Foto di Alessandro Medda

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni