Tre punti importanti per la Reale Mutua Torino 81 Iren a Brescia

News Pallanuoto

Pubblicato il: 21/01/2019



Ci sono intensità difensiva e ottime giocate in attacco, ci sono una forma fisica in crescendo e voglia di vincere, ci sono testa e cuore nella rimonta che la Reale Mutua Torino 81 Iren ha messo a segno a Brescia, sabato nella sesta giornata di campionato. Sotto 6-3 a metà del terzo quarto i gialloblu hanno piazzato un parziale di 0-5, subendo poi l’ultima rete della neopromossa formazione lombarda ma raccogliendo tre punti davvero importanti. Il bruciante pareggio subito dalla Crocera a tre secondi dalla fine di un brutto quarto periodo è cancellato dalla tripletta del capitano Emanuele Azzi, dalla doppietta di Ivan Vuksanovic e dalle reti di Oggero, Brancatello e Loiacono. Insieme a Seinera – sabato assente – sono i giocatori più esperti di una squadra non ancora al cento per cento, che quando completerà le proprie rotazioni con il rientro di Maffè potrà sicuramente candidarsi per il primo posto nella classifica del girone nord. Primo posto che da due giorni dista solamente due punti, grazie alla sconfitta di Camogli sul campo di Padova. In testa alla classifica insieme ai liguri bianconeri è arrivata Ancona, che dopo la sconfitta all’esordio ha infilato cinque successi consecutivi. Terza è Torino con 13 punti, quarte Lavagna e Bologna con 12, anch’esse sicure protagoniste di un campionato avvincente.

“Da Brescia ci portiamo a casa prima di tutto la vittoria, utile per rimanere in scia delle capolista” ha commentato coach Simone Aversa al termine dell’ultima sfida, “la prestazione, nel complesso, non è stata delle migliori, perché non siamo riusciti a imporre il nostro ritmo e perché in alcune circostanze ci siamo fatti sorprendere. Nei primi tre quarti abbiamo sbagliato molto, nell’ultimo però abbiamo difeso con più aggressività e ribaltato la gara. Vorrei inoltre sottolineare l’atteggiamento dei ragazzi in queste prime sei gare; tutti si sono sacrificati molto per sopperire agli infortuni che hanno colpiti alcuni giocatori e penso che questo spirito sia fondamentale per toglierci soddisfazioni”. Già a partire da sabato prossimo, quando alla piscina Monumentale arriverà Civitavecchia.

Brescia Waterpolo – Reale Mutua Torino 81 Iren 7-8 (2-2 2-1 2-1 1-4)
Brescia Waterpolo: Massenza, Laurini, Margotti, Legrenzi, Garozzo 1, Balzarini, Tortelli 1, Tononi 2, Laisi, Zanetti, T. Giana 2, Sordillo 1, M. Giana. All. Sussarello
Reale Mutua Torino 81 Iren: Aldi, Casagrande, Cialdella, Azzi 3 (1 rig.), Caliendo, Oggero 1, Brancatello 1 (1 rig.), Vuksanovic 2, Capobianco, Loiacono 1, Audiberti, Gattarossa, Costantini. All. Aversa
Arbitri: Brasiliano e Nicolai
Usciti per limite di falli: Legrenzi (B) nel quarto tempo e Cialdella (T) nel terzo tempo. Superiorità numeriche: Brescia Waterpolo 2/9 e Reale Mutua Torino 81 Iren 3/8 + 2 rigori. Espulso per proteste il Dirigente Fiorese (B) nel quarto tempo. Spettatori 100 circa.

Serie B, Dinamica sconfitta all’esordio casalingo
Un solo gol segnato nei primi ventotto minuti e un finale concitato condannano la Dinamica alla seconda sconfitta nel campionato di serie B 2019. Dopo l’incontro dello scorso fine settimana disputata a Novara e persa contro il Vigevano, i torinesi hanno esordito sabato alla piscina Monumentale nella seconda giornata contro Firenze, perdendo 4-5 e rimandando l’appuntamento con i primi punti della stagione (parziali 0-1 1-1 0-0 3-3). Partita strana, con una sola marcatura nel primo quarto, un botta e risposta nel secondo e reti inviolate nel terzo. Avanti 1-2 all’inizio della frazione conclusiva i toscani hanno allungato prima sull’1-3 e poi sul 2-4; i rossoblu hanno reagito negli ultimi due minuti, con due gol in meno di trenta secondi e il pareggio raggiunto a 1’24’’ dalla sirena conclusiva. L’ultima parola è però stata degli ospiti, che in situazione di doppia superiorità numerica sono andati a bersaglio per l’ultima volta.

Un epilogo che lascia l’amaro in bocca ai ragazzi guidati da Gianluca Garibaldi, che hanno dovuto fare i conti con una porta avversaria davvero “stregata”. Si sono sbloccati dopo dodici minuti abbondanti in situazione di uomo in più grazie a Giacomo Ninfa, poi sono ripiombati nel digiuno di gol, mancando diverse occasioni apparentemente semplici tra secondo e terzo periodo, in superiorità numerica e in controfuga. Si sono scossi nel finale con una doppietta di Alberto Mantero e con il capitano Filippo Ronco, uscendo però sconfitti nella volata finale. Positiva, in generale, la prova difensiva della Dinamica; i torinesi hanno concesso pochi spazi a Firenze, che pur creando un numero decisamente inferiore di occasioni si è rivelata estremamente concreta in fase di conclusione. I rossoblu torneranno in campo sabato prossimo, nuovamente alla Monumentale, e ospiteranno il Lerici.

Dinamica – Firenze Pallanuoto 4-5 (0-1 1-1 0-0 3-3)
Dinamica: Caramaschi, Federici, Ninfa 1, Zoupas, Mantero 2, Ghibaudo, Strazzer, Di Giacomo, Alcibiade, Ligas, Ronco 1, Dalla Bona, Costa. All. Garibaldi
Firenze Pallanuoto: Foroni Lofaro, Cocchi 1, Adinolfi, Staffi, Capaccioli 1, Matucci 1, Tribuzio, Palisca 2, Picchi, Ramacciotti, Ciatti, Landi.

Luca Bianco

Foto di Tonello Abozzi

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni