Daisy Osakue, aggredita ieri a Moncalieri, pensa già agli Europei

Atletica News

Pubblicato il: 30/07/2018



Ieri sera a Moncalieri, mentre attraversava la strada tornando verso casa, Daisy Osakue è stata colpita all’occhio sinistro da un uovo, scagliato da una persona non identificata a bordo di un mezzo che si è poi allontanato velocemente. Ha riportato alcune abrasioni alla cornea dovute ai frammenti del guscio, ma fortunatamente è già stata dimessa dall’ospedale con buone condizioni generali di salute. È stata la stessa discobola italiana di origini nigeriane a fornire la ricostruzione dei fatti (sul sito della FIDAL a questo link). “Sono molto arrabbiata” ha commentato Daisy Osakue, classe 1996, tesserata per la Sisport e azzurra della nazionale, primatista italiana under 23 e quarta italiana di sempre nel lancio del disco, “una persona dovrebbe essere tranquilla e libera di camminare per strada senza rischiare di essere aggredita così all’improvviso. È stato un atto da codardi. Non voglio usare la carta del sessimo e nemmeno quella del razzismo, ma ora desidero capire il perché di tutto questo”.

Parole di condanna per un gesto del tutto disprezzabile e privo di senso – anche al di là delle cause che hanno indotto gli aggressori a compierlo – sono state espresse da diverse autorità politiche e sportive, tra cui il presidente della FIDAL Alfio Giomi. A proposito dell’imminente appuntamento con i Campionati Europei, in programma dal 6 al 12 agosto, Daisy ha invece affermato: “cascasse il mondo io andrò a Berlino. Due giorni senza allenamento, mercoledì mattina un altro controllo all’ospedale oftalmico e giovedì potrò ricominciare ad allenarmi. La qualificazione della mia gara è il 9 agosto”.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni