Bike Pride, una festa in bicicletta per 20mila persone

News

Pubblicato il: 03/05/2018



“Costruiamo noi la strada” recita lo slogan del Bike Pride 2018, una festa in bicicletta per migliaia di persone, una grande pedalata collettiva in programma domenica 6 maggio a Torino. Il Bike Pride è un evento ormai tradizionale per la città, nato nel 2010 dall’idea di un gruppo di amici con il principale obiettivo di promuovere la mobilità sostenibile. Circa 5mila appassionati – attivisti di associazioni ambientaliste e ciclofficine della zona – si ritrovarono quasi spontaneamente per la prima edizione, dandosi appuntamento per l’anno successivo.

Nel 2012 il nucleo dei fondatori istituì l’associazione Bike Pride Fiab Torino, riproponendo annualmente lo stesso evento in maniera più strutturata. “Nel tempo i nostri obiettivi non sono cambiati” spiega il presidente Fabio Zanchetta, “vogliamo sottolineare l’importanza della mobilità a impatto zero e la necessità di investire in infrastrutture che permettano di muoversi in città in bicicletta, in sicurezza e libertà”. Aspetti ribaditi anche in una recente assemblea generale delle Nazioni Unite, che per il 3 giugno ha istituito la giornata mondiale della bicicletta.

Circa 120mila persone hanno complessivamente preso parte alle prime otto edizioni del Bike Pride, che ne porta in strada almeno 15-20mila ogni anno. Numeri simili sono attesi per la parata di domenica, che partirà alle 15.30 dal parco del Valentino – viale Virgilio – e si concluderà nello stesso punto al termine di una pedalata di circa un’ora e mezza. La partecipazione è gratuita e non serve iscrizione; il percorso, chiuso al traffico e accessibile a tutti, si snoda lungo il Po e lungo la Dora, passando per corso San Maurizio e corso Regio Parco, corso Palermo e via Bologna, transitando in piazza Castello e piazza Vittorio.

Una novità dell’edizione alle porte è il lancio della campagna di crowdfunding; metà del ricavato sarà destinato alla copertura dei costi di organizzazione dell’evento, l’altra metà verrà impiegata per avviare il progetto di realizzazione di una via ciclabile su corso Palermo. “Negli ultimi otto anni siamo riusciti a sensibilizzare le amministrazioni e tanti cittadini su temi di estrema attualità come traffico e inquinamento” precisa Fabio Zanchetta, “allo stesso tempo abbiamo messo in risalto possibili soluzioni legate all’utilizzo della bicicletta e dei mezzi pubblici, ispirandoci ai modelli del centro e del nord Europa. Ma a livello pratico ci siamo scontrati con alcune difficoltà – soprattutto economiche – e non siamo riusciti a realizzare granché”. Ecco il motivo dell’istituzione della campagna di crowdfunding, per lanciare un messaggio politico e fornire un primo simbolico contributo a livello economico.

La seconda novità del Bike Pride 2018 sarà la concomitanza con il Brompton World Championship, che coinvolgerà circa 300 partecipanti in sella alle loro bici pieghevoli, in una perfetta dimostrazione di come si possano associare sport e mobilità sostenibile. La gara, per la prima volta in Piemonte, scatterà alle 12 e si svolgerà su un circuito di 14 kilometri intorno al Castello del Valentino (è prevista anche una non competitiva di 6,2 km); il vincitore della corsa si qualificherà per la finale del campionato mondiale, in programma a Londra sabato 28 luglio durante il Prudential Cycling Festival, il più grande festival della bicicletta a livello mondiale.

Luca Bianco

Visita il sito ufficiale di Bike Pride

Foto di Damiano Benedetto

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni