Atletica Leggera: Marco Fassinotti, una nuova vita romana per tornare ai massimi livelli

Atletica News

Pubblicato il: 23/11/2017



Un lungo infortunio l’ha costretto a rinunciare alle Olimpiadi di Rio 2016 e ne ha condizionato la programmazione per buona parte del 2017. Ma l’estate scorsa Marco Fassinotti è tornato a saltare ad alto livello in occasione delle Universiadi e a Taipei ha conquistato la sua prima medaglia internazionale. Molto buona anche la misura di 2,29 raggiunta nell’occasione, che il 28enne atleta torinese dell’Aeronautica Militare ha commentato così in una recente intervista ai microfoni di Atletica Italiana TV: “una prestazione soddisfacente per il ritorno alle competizioni importanti, accompagnata da un argento che mi dà sicurezza e fiducia in me stesso”. Con il bel ricordo del recente passato Marco ha ripreso ad allenarsi. Da un po’ di tempo ormai, dopo qualche anno trascorso a Birmingham, vive nella capitale, ma rispetto alla scorsa primavera non più al Centro di Preparazione Olimpica Giulio Onesti bensì all’aeroporto di Roma-Urbe, dove ha una stanza con cucina messa a disposizione dal suo gruppo militare. “Ora sono più libero a livello di orari e questo mi fa sentire più ‘a casa’” spiega, “inoltre mi preparo io i pasti; mi piace cucinare, anche se naturalmente devo seguire una certa dieta, specialmente con l’avanzare della stagione”.

Torinese di nascita, Marco Fassinotti è ormai “uomo di mondo”. Dopo il lungo soggiorno in Inghilterra ha trovato in Roma un luogo molto accogliente. “Il clima è migliore rispetto a Birmingham e questo è ottimo per allenarsi” sottolinea, “la città è fantastica, piena di bellezze che rappresentano anche un rifugio dalla stanchezza. E ogni tanto ‘scappo’ sul lago di Bracciano, in particolare a Trevignano Romano, dove si può ammirare un panorama stupendo… e dove c’è un pub che fa ottime birre”. Lavora con serenità Marco, seguito dal suo staff e con tanta voglia di migliorarsi. Il 2018 è ormai alle porte e l’obiettivo è farlo diventare l’anno del ritorno ai massimi livelli.

La video intervista di Atletica Italiana TV a questo link

Foto FIDAL Colombo/FIDAL

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni