A Rivoli un progetto sportivo per studenti disabili e normodotati

News

Pubblicato il: 18/11/2016


HB Torino Basket - Foto di Massimo Pinca

Dopo la perfetta riuscita dell’anno scorso è iniziata in questi giorni la seconda edizione del progetto “Con il Corpo Conosco”, iniziativa rivolta agli studenti disabili e normodotati dell’Istituto Oscar Romero di Rivoli. Il progetto si concluderà a giugno con le premiazioni e la festa presso la fattoria didattica La Soldanella di Rosta; coinvolgerà gli allievi in attività sportive (adattate) e non solo, grazie alla collaborazione della scuola con diverse associazioni del territorio: il Dipartimento Educazione del Castello di Rivoli Museo di Arte Contemporanea, Sportdipiù, Libertas Nuoto Rivoli, Arcipelago Danza Rivoli, Tennis Rivoli 2000, Disabili Sportivi Valdostani Disval e Centro Velico Avigliana.

Nei prossimi mesi i ragazzi parteciperanno a laboratori di “Arte e creatività” e a un teatro danza adattato, trascorreranno quattro mattinate sulla neve di Sauze d’Oulx e Sestriere e un’intera giornata al lago di Avigliana, per sperimentare vela, windsurf e kayak. Si cimenteranno nella boccia paralimpica, disciplina praticabile anche dalle persone con disabilità più grave e introdotta quest’anno nel programma del progetto. Giocheranno a baskin, tennis e basket in carrozzina, nuoteranno e visiteranno la palestra inclusiva di Aosta, studiata per l’attività fisica disabile. Prenderanno parte, infine, a incontri di cultura paralimpica.

Uno degli obiettivi è infatti far conoscere agli studenti il mondo paralimpico, la sua storia, le sue discipline sportive e i suoi campioni. La finalità principale del progetto, che ha ricevuto il patrocinio del CIP Piemonte, è però favorire l’integrazione tra i ragazzi, attraverso attività praticate da tutti a seconda delle proprie possibilità. “Inclusione e divertimento sono fonte di benessere psico-fisico e migliorano la qualità della vita” ricordano gli organizzatori, “la speranza è che un’iniziativa simile venga presto introdotta anche in altre scuole”.

“Per i nostri allievi disabili e per i loro compagni normodotati sarà anche quest’anno un’avventura culturale e sportiva” aggiunge la professoressa Anna Robino, insegnante di educazione fisica dall’Istituto Romero e referente del progetto, “la prima edizione ha coinvolto ragazzi e insegnanti, regalando loro momenti splendidi di condivisione, integrazione, amicizia e divertimento”.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni