Softball: La Loggia, Giorgia Necco e la terra del softball

News Softball Sport Femminile

Pubblicato il: 06/06/2015


La Loggia Softball Club - Foto Diego Barbieri.jpg

La Loggia Softball Club - Foto Diego Barbieri.jpgDal punto di vista sportivo la maggior parte dei paesi e delle piccole città italiane vivono intorno a una squadra di calcio, di pallacanestro o di pallavolo. Non a La Loggia. Qui si gioca a softball e anche molto bene, considerando i recenti trionfi delle ragazze del Rhibo in campo nazionale ed europeo. A La Loggia, il diamante che ospita le partite casalinghe e gli allenamenti della squadra, è un punto di ritrovo anche per i bambini della scuola elementare, che vi trascorrono interi pomeriggi. “Ho iniziato così più o meno 16 anni fa” ricorda Giorgia Necco, esterno sinistro (destro fino alla passata stagione) della formazione biancoviola, “mia mamma giocava e io andavo a vederla. E Maria Grazia Barberis, nostro attuale coach, ci faceva provare e ci spiegava le basi del softball. Mi sono appassionata e dopo tutta la trafila delle giovanili sono entrata in prima squadra”.

Una bella soddisfazione per una ragazza che a La Loggia è nata (24 anni fa) e cresciuta. Fino ai successi delle ultime stagioni, i due scudetti consecutivi e la Coppa dei Campioni. “Gli abitanti hanno accolto le nostre vittorie con una grande festa” racconta, “ci seguono con affetto e sono legati alla nostra società. Ogni tanto ci vedono ancora come “la squadra di paese”, dimenticando che siamo un gruppo di agoniste che dedica molto tempo agli allenamenti e che tra studio e lavoro fa anche qualche sacrificio per ottenere risultati. Ma glielo perdoniamo… a patto che vengano a vedere la nostra prossima partita!”.

“I miei obiettivi personali coincidono con quelli della squadra” prosegue Georgia, “confermare i risultati della passata stagione e migliorare il nostro gioco. E io voglio aiutare la squadra in tutto questo, continuando a divertirmi e impegnarmi”. Questi ultimi due fattori, impegno e divertimento, sono l’arma vincente del Rhibo La Loggia, che anche quest’anno, nonostante alcuni cambi all’interno della rosa, ha trovato immediatamente un nuovo equilibrio dentro e fuori dal campo, rimanendo una formazione “tutte per una e una per tutte”.

Il bilancio al termine del girone di andata della regular season è positivo e il secondo posto nel gruppo A non dispiace, anche se l’obiettivo è arrivare davanti. “Peccato per le sconfitte contro Bollate” commenta Giorgia Necco, “due match nei quali non abbiamo giocato al meglio ma dai quali abbiamo comunque tratto qualche insegnamento. Questa prima parte di campionato è stata comunque buona, abbiamo giocato molto bene a tratti e anche le nostre ragazze più giovani (per esempio Biasi e Corazza) hanno mostrato cose interessanti. Siamo allenate e determinate, d’ora in poi vogliamo vincerle tutte”.

Il prossimo scoglio si chiama Caronno e le biancoviola lo affronteranno stasera in un doppia sfida a partire dalle 18.30, tornando a giocare a tre settimane di distanza dall’ultima giornata del girone di andata. “Non siamo state ferme, tra chi ha giocato in nazionale al Torneo della Repubblica, chi ha partecipato alla stessa manifestazione nella squadra All Star (quella votata su internet dagli appassionati, in perfetto stile NBA e MLB) e chi è rimasta qui ad allenarsi”. La novità è l’arrivo della lanciatrice americana Bailey Micetich, proveniente da San Diego e pronta per fare il suo esordio in IFL.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni