Football Americano: Chris Salvi e Niles Mittasch guidano i Giaguari verso il campionato

Football Americano News

Pubblicato il: 26/02/2014


Giaguari Torino - Foto Massimo Pinca

salvi - mittasch giaguariNon sono arrivati neppure un mese fa ma hanno già conquistato la stima e l’affetto di tutta la squadra. Niles Mittasch e Chris Salvi sono i due americani scelti dai Giaguari Torino per compiere un ulteriore salto di qualità in vista del campionato, il primo dopo nove anni nella massima serie nazionale di football americano. Niles, running back classe 1982, è cresciuto al college Oregon Football Ducks e ha giocato per tre anni in Italia con la maglia degli Hogs di Reggio Emilia, conquistando nel 2011 il premio di MVP della stagione. “Ho un ricordo positivo e particolare per ognuno di quegli anni. Qui il football è diverso da quello che si gioca negli Stati Uniti, le regole sono le stesse ma le abilità dei giocatori sono diverse. Bisogna imparare ad adattarsi a questo campionato e ci vuole tempo per capire il proprio ruolo all’interno della squadra. Per me è stato un percorso stimolante e ora mi trovo a mio agio”.

Chris ha 24 anni e lontane origini italiane, e vanta un recente passato nella prima divisione di NCAA, nelle fila della Notre Dame University; safety adattabile in molte posizioni, ha subito trovato buon feeling con l’ambiente: “tutti si sono dimostrati molto amichevoli e queste prime settimane sono state un’ottima esperienza, specialmente con i compagni di squadra. Riguardo al campo io sarò impegnato nella fase difensiva; ci alleniamo con grande intensità, è divertente giocare con questi ragazzi ed essere parte di questo gruppo”. Dello stesso avviso il connazionale: “gli italiani sono calorosi e accoglienti; è il mio quarto anno in questo paese e mi sono sempre trovato molto bene. Del team ho apprezzato particolarmente il cameratismo; ci sono tanti giocatori con parecchi anni di differenza, ma giovani e “anziani” sono uniti nel football, semplicemente fantastico”.

L’arrivo dei due campioni d’oltreoceano ha migliorato il livello di una rosa già rodata, composta in larga parte da atleti cresciuti nel vivaio giallonero. L’ingaggio dei due americani porterà qualità sul campo, ma rientra in un progetto più generale della società, tra cui la formazione del settore giovanile: “in America ho allenato ragazzi per due anni” racconta Chris, “un’esperienza divertente che sto ripetendo con piacere, è sempre bello aiutare i più giovani, dar loro consigli e trasmettere le proprie conoscenze”. “Per me è il quarto anno da coach in Italia” replica Niles, “ho insegnato molto di ciò che avevo appreso negli Stati Uniti, ma penso di aver imparato altrettanto”.

Anche a livello di prima squadra l’arrivo dei due giocatori d’oltreoceano porterà nuove conoscenze: “uno dei nostri compiti è porre l’attenzione su dettagli che finora non venivano quasi considerati. Ma per i ragazzi è soprattutto importante avere in squadra due giocatori americani che possano condividere, oltre a qualche particolare in più riguardo al gioco, la passione per il football americano. Per noi significa molto portare qui una tradizione che da noi è molto marcata”.

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni