Tennis Tavolo: il centro Panathlon di Patrizia Saccà

News Tennis Tavolo

Pubblicato il: 01/12/2013



patrizia saccàIn via Tiziano Lanza a Grugliasco è una fredda serata di fine novembre. Al piano terra della struttura che ospita l’associazione l’“Isola che non c’è” si scorge una sala illuminata; ci sono due tavoli da ping pong, persone in carrozzina che giocano e altre che guardano. Entrando si respira subito grande cordialità; siamo al centro Panathlon di “benessere psicofisico e avviamento allo sport per persone disabili”, nato da un’idea di Patrizia Saccà e realizzato con il sostegno di Panathlon Club Torino Olimpica, del Cus Torino e del comitato regionale del CIP.

Alberto Margarone, istruttore di tennis tavolo e giocatore di serie A, ci spiega che si sta svolgendo il torneo di fine anno. Non conta arrivare primi; la vittoria è trascorrere un po’ di tempo insieme, divertirsi, fare movimento e dimenticare per un attimo i problemi quotidiani. Il tennis tavolo riassume tutto questo, come ci raccontano Margherita, Andrea e Gianni, tre dei venti ragazzi in carrozzina ospitati: “è divertente e terapeutico, perché ci si concentra sul gioco senza pensare ad altro. È occasione di svago, permette di mantenersi in forma e di stare in compagnia di amici, in un clima di grande accoglienza”.

La stagione del centro è cominciata il primo marzo e tutti i venerdì dalle 17 alle 19 si sono svolte lezioni di ping pong, sedute di yoga, di ginnastica di gruppo e di arte terapia, guidate da Monica Manni (fisioterapista), Monica Borio (specialista shatsu), Marica Riccio (osteopata), Valeria Casonato (yoga e arte terapia), Marco Dolfin (consulente ortopedico). Istruttori di tennis tavolo Patrizia Saccà e Alberto Margarone: “nel 2008 ho preparato Patrizia per le Paralimpiadi di Pechino, poi lei mi ha insegnato come allenare persone disabili. A gennaio inizieremo progetto all’unità spinale delle Molinette, organizzando corsi di ping pong per le persone in terapia; una bella iniziativa e un’esperienza personale molto formativa”.

Il centro riprenderà l’attività da metà febbraio. Il bilancio del primo anno non può che essere positivo, come conferma la stessa Patrizia, plurimedagliata di tennis tavolo in carrozzina e da sempre impegnata a favore dei diversamente abili: “il mio ringraziamento va al Panathlon che ci sostiene e alle persone che gravitano attorno al centro. È stata una bella esperienza, che spero di ripetere per tanti anni ancora. Il sogno per il futuro è quello di ottenere anche uno spazio acqua, molto importante per l’attività fisica di persone paraplegiche e tetraplegiche”.

Luca Bianco

Guarda dove praticare Tennis tavolo a Torino e dintorni

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni