Volley: il CUS Collegno riparte dai centrali

News Pallavolo Sport Femminile

Pubblicato il: 14/06/2018



A poche settimane dal termine della sua prima stagione in serie A2, brillantemente conclusa con la qualificazione ai playoff, il Barricalla CUS Collegno Volley ha ufficializzato il suo primo volto nuovo per la prossima stagione. Si tratta di Noura Mabilo, centrale triestina classe 1996, giovane ma dal curriculum già decisamente importante, come testimoniato dall’esperienza di A1 a Novara, da quella precedente al Club Italia tra B1 e A2 e dalle numerose convocazioni in nazionale giovanile. Noura ha disputato gli ultimi due campionati nella serie cadetta, vestendo la maglia di Olbia e, fino a pochi giorni fa, di Caserta. È studentessa universitaria e a partire da settembre frequenterà scienze della comunicazione a Torino. Come detto è la prima novità della formazione cussina, arrivata martedì dopo una serie di importanti conferme.

La prima in ordine cronologico è stata quella di coach Michele Marchiaro, promosso a pieni voti dopo il passaggio dalla serie B all’A2 nella primavera del 2017 e dopo l’ultima stagione assolutamente positiva. «Da neopromossi siamo arrivati ai playoff e per il prossimo anno l’intenzione è fare ancora meglio – ha dichiarato all’indomani del rinnovo. La società ha quindi lavorato nel segno della continuità, confermando in blocco staff tecnico – il “vice” Fulvio Bonessa, l’aiuto allenatore Marco Gaspari e il preparatore atletico Omar Capuzzo – e sanitario. L’intenzione è quella di procedere allo stesso modo con la squadra, cambiando il meno possibile in un gruppo che ha stupito per la capacità di trovare intesa sul campo e di crescere partita dopo partita.

A guidarlo ci sarà ancora Daniela Gobbo, classe 1987 e ormai un’istituzione della squadra considerate le ultime cinque stagioni in maglia CUS, la maggior parte delle quali vissute con la fascia di capitano cucita sul braccio. «L’ultimo è stato un campionato ricco di soddisfazioni ma più ‘semplice’, perché ogni vittoria veniva considerata straordinaria e ogni sconfitta accettata per il fatto di giocare in una nuova categoria – spiega – d’ora in poi sarà tutto più difficile perché dovremo almeno eguagliare quanto raggiunto in precedenza».

Si attende l’ufficializzazione della formula del prossimo campionato di A2, che a differenza delle ultime stagioni con regular season a girone unico potrebbe prevedere una prima fase a due raggruppamenti e una seconda fase con un girone di squadre che si giocheranno la promozione e un secondo gruppo che lotterà per non retrocedere. Nel mentre il CUS Collegno lavora in vista dei prossimi mesi; la dirigenza per definire la rosa, le giocatrici per farsi trovare pronte alla ripresa della preparazione, svolgendo allenamenti individuali e personalizzati su quegli aspetti che durante la stagione vengono curati meno. Hanno un obiettivo importante: confermare il risultato di quest’anno e provare a salire un altro gradino.

Foto di Mario Sofia

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni