Mi Games 2018, dal 6 al 10 giugno a Torino

News

Pubblicato il: 11/05/2018



Quasi 1000 squadre e circa 5200 atleti iscritti. I Mi Games ripartono dalle cifre record del 2017 e per l’edizione alle porte – la quinta – puntano a incrementare ulteriormente i numeri. Non a caso sono l’evento multi-sport più grande d’Italia, con tornei di basket, calcio a 5, beach volley, pallanuoto e non solo, quest’anno progettato con tre tappe in più rispetto alla passata stagione. Il primo appuntamento sarà come sempre Milano (22-27 maggio), poi il tour si sposterà a Torino dal 6 al 10 giugno, quindi a Roma, Napoli, Lecce, Genova, Lignano e Santa Margherita Ligure, prima di concludersi a Umago (Croazia), sede delle finali dal 7 al 9 settembre. Mi Games passerà quindi anche per la Campania, la Puglia e il Friuli Venezia Giulia, finora inesplorate. Da non dimenticare la tappa “charity” di Rulindo, in Rwanda, in calendario dal 21 al 23 settembre. Il format, ormai consolidato negli anni, prevede competizioni maschili e femminili di basket 3 contro 3 e calcio a 5, tornei di beach volley e pallanuoto – 4 contro 4 – a squadre miste, di calcio balilla e tennis tavolo.

I Mi Games partiranno da Milano, città in cui sono nati, e arriveranno a Torino tra meno di un mese. La location è quella ormai collaudata di piazza Arbarello, teatro della manifestazione anche nelle due precedenti edizioni sabaude. Possono partecipare tutti i ragazzi e tutte le ragazze classe 2002 e più grandi; ne arriveranno probabilmente da varie parti d’Italia grazie al “pacchetto atleta”, comprendente notte in hotel, una colazione e una cena, il kit gara e l’iscrizione al torneo. Oltre alle tre tappe appena introdotte, i Mi Games 2018 presentano la novità degli “ambassador”, giocatori di livello nazionale e internazionale – un uomo e una donna per ogni disciplina sportiva – che hanno deciso di abbracciare il progetto. 
Sono già confermati Martina Kacerik per la pallacanestro, Simone Buti e Giulia Pisani per il volley.

Proseguono, intanto, le attività benefiche dell’evento, che sostiene Italia por Colombia, la fondazione benefica dell’ex calciatore Ivan Ramiro Cordoba, e Okapia Onlus. Quest’ultima associazione porterà Mi Games in Rwanda, dove almeno 400 bambini trascorreranno tre giornate di sport. “Vedere ragazzi camminare ore per arrivare al distretto di Rulindo, vederli giocare, tifare e dormire insieme è stata una grande emozione e un forte incentivo per promuovere ancor di più questa iniziativa” assicura Davide Ardizzone, fondatore di Mi Games e responsabile dell’organizzazione, “per quanto riguarda invece le tappe italiane l’obiettivo è arrivare a dieci entro il 2020, proponendo allo stesso tempo anche un appuntamento all’estero. Aver aggiunto tre nuove location quest’anno è stato un notevole passo avanti verso il nostro traguardo”.

Nel 2018 i Mi Games porteranno 45 giorni di sport in piazza, con il loro carico di entusiasmo, amicizia e divertimento; con la loro voglia di estate, sottolineando il claim “Live the City, Live the Sport”.

Visita il sito ufficiale di Mi Games

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni