Volley: Fenera Chieri, entusiasmo e playoff

News Pallavolo Sport Femminile

Pubblicato il: 14/04/2018



Indipendentemente dall’esito della serie contro la Delta Informatica Trentino, il Chieri ’76 ha raggiunto il punto più alto nella sua giovane storia, iniziata nel 2009. Ma è chiaro che le biancoblu non si accontenteranno di aver raggiunto i quarti di finale di A2 e proveranno a salire un altro gradino. Del resto il Fenera si è aggiudicato entrambi i precedenti stagionali contro Trento e grazie alla miglior posizione nella classifica finale di regular season – quinto posto contro sesto – potrà giocare gara 1 e l’eventuale gara 3 della serie sul proprio campo.

“I playoff sono un nuovo campionato nel quale ciò che è successo finora viene sostanzialmente azzerato” mette in guardia coach Luca Secchi, “affrontiamo una squadra che due anni fa ha disputato la finale per la promozione e che nella passata stagione è arrivata in semifinale; una squadra che quindi sa come si gioca un certo tipo di partite. All’esperienza di Trento dovremo contrapporre il nostro entusiasmo, con la consapevolezza che se riusciamo a esprimere il nostro potenziale siamo un ostacolo difficile per chiunque”.

Domani alle 17 il Chieri ’76 esordirà quindi nei quarti di finale di fronte al proprio pubblico e mercoledì volerà a Trento per gara 2 (ore 20.30); l’eventuale “bella” è in programma domenica 22 aprile al PalaFenera. La formazione torinese si presenta all’appuntamento clou della stagione con l’organico nuovamente al completo, dopo gli ultimi mesi condizionati dagli infortuni. Infortuni che hanno tolto punti alla squadra e che hanno costretto coach Secchi e le ragazze a trovare nuovi equilibri in campo; ma che hanno compattato ancor di più lo spogliatoio.

Importante l’arrivo di Samantha Middleborn, a livello tecnico e numerico, per aver puntellato un reparto centrali alle prese con i problemi fisici, e dal punto di vista psicologico, per l’entusiasmo che ha portato. I colpi della giocatrice americana saranno uno dei punti di forza di Chieri, che potrà contare su tante altre armi a disposizione. Tra queste ci saranno le schiacciate e la difesa di Anna Mezzi, l’unica giocatrice del team ad aver vissuto tutte e tre le stagioni nella serie cadetta, dall’estate del 2015 a oggi.

Nelle due passate stagioni aveva mancato i playoff di un soffio e ora si appresta a giocare il primo quarto di finale di A2 della sua carriera. Classe 1992 e originaria di Riva del Garda, Anna ha vestito per tanti anni la maglia dell’Ata Trento e contro la Delta giocherà quindi una specie di derby. “In stagione abbiamo vissuto alti e bassi” spiega, “del resto è complicato trovare continuità in un campionato lungo e equilibrato come questo. Gli infortuni non ci hanno aiutato ma lo staff ha fatto un ottimo lavoro per recuperare tutte le giocatrici. Sentivamo di poter arrivare fin qui e adesso vogliamo confermare tutto il nostro valore”.

Luca Bianco

Foto di Renzo Bussio

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni