Atletica Leggera: Martina Merlo e Pietro Arese campioni italiani di cross

Atletica News

Pubblicato il: 12/03/2018



Torino e il Piemonte tornano dai Campionati Italiani di corsa campestre con titoli, medaglie e storiche prime volte. Due i titoli individuali, per Martina Merlo (Aeronautica/CUS Torino) tra le Assolute e Pietro Arese (S.A.F.Atletica Piemonte) tra gli Junior; per entrambi si tratta del primo tricolore. Completano il quadro di medaglie individuali i bronzi della biellese Valeria Roffino (Fiamme Azzurre) tra le Assolute e del triathleta Sergiy Polikarpenko (CUS Torino) tra le Promesse, quest’ultimo alla sua prima gara nella categoria under 23. Nelle classifiche a squadre brilla il CUS Torino, primo nella graduatoria assoluta femminile e secondo in quelle combinate femminile e maschile. L’Atletica Saluzzo è seconda nella Junior femminile e terza nella combinata femminile.

“Sono felicissima” ha commentato Martina Merlo in un’intervista rilasciata alla FIDAL, “è stata una gara emozionante e molto combattuta. Sono stata davanti fin dal primo metro, sapevo di avere un finale un po’ più rapido delle altre e ci ho provato. Ci ho creduto tantissimo ma più di me ci ha creduto il mio tecnico, Gianni Crepaldi, a cui dedico la vittoria”. Terza, come detto è Valeria Roffino, a 4 secondi da Martina e a un soffio dalla campionessa italiana in carica Francesca Bertoni. Sesta l’altra cussina Sara Brogiato (Aeronautica/CUS Torino), mentre a completare la squadra torinese c’è Giorgia Morano, 40esima. Quarta tra le Junior Michela Cesarò, anche lei tesserata per il CUS Torino.

Al termine di un lungo testa a testa Pietro Arese ha battuto Giovanni Gatto in volata. “Il titolo italiano nel cross era qualcosa a cui ambivo e preparavo questa gara da settembre” le sue dichiarazioni riportate sul sito FIDAL Piemonte, “ho gareggiato bene a livello indoor e speravo di finire la stagione invernale in modo positivo qui a Gubbio. Ora l’obiettivo diventano i 3000 siepi, ma visto il buon esito delle gare al coperto proverò a ottenere il minimo per i Mondiali Junior anche sui 1500”.

dal sito piemonte.fidal.it

Foto Giancarlo Colombo/FIDAL

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni