Pattinaggio di Figura: Giada Russo e un sogno olimpico cominciato a Torino

News Pattinaggio su ghiaccio Sport Femminile

Pubblicato il: 21/12/2017



Il secondo posto ai Campionati Italiani dello scorso fine settimana, unito alle ottime prestazioni internazionali della stagione, ha spalancato a Giada Russo le porte delle Olimpiadi Invernali. Il sogno di ogni sportivo, un sogno che Giada coltiva fin da quando era bambina e che vivrà dal 9 al 25 febbraio a Pyeongchang. Nel 2006 a Torino partecipò ai Giochi come flower e questo le permise di pattinare sulla pista olimpica del PalaVela, anche se “solo” per raccogliere i fiori e i peluche lanciati dagli spettatori dopo le performance dei campioni. Giada non ha dimenticato l’atmosfera magica di quei giorni, la città vestita a festa e soprattutto il bellissimo legame intrecciato con gli altri bambini e con i più forti atleti del mondo. “Tutti molto gentili e disponibili” ricorda, “e tra loro c’era Carolina Kostner, che è sempre stata il mio idolo, il modello a cui mi sono ispirata in tutti questi anni”. Sono trascorsi 12 anni da allora, migliaia di ore trascorse sul ghiaccio o a bordo pista, ad allenarsi e perfezionare gesti e movimenti; in Corea Giada ritroverà Carolina al suo fianco, come nel più bel lieto fine che potesse immaginare per la sua storia.

Rappresenterà l’Italia nel singolo femminile, portando sul ghiaccio gli esercizi collaudati che le hanno permesso di salire sul secondo gradino del podio – proprio dietro alla Kostner – ai recenti Assoluti. “Ho dato il massimo per conquistare la medaglia e per raggiungere il sogno olimpico” spiega Giada, “sono ovviamente contenta per il risultato, anche se ho commesso qualche imprecisione nel programma lungo”. Nelle prossime settimane curerà ancora più a fondo ogni dettaglio, in vista dei Giochi. Un importante tappa di avvicinamento sarà il Campionato Europeo, a Mosca a partire dal 15 gennaio. Sarà la terza esperienza agli Europei per Giada, che poi potrà concentrarsi esclusivamente sui Giochi Invernali. “Vestire la maglia azzurra sarà un grande onore e penso che mi darà forti emozioni” assicura, “per anni ho coltivato questo sogno e realizzarlo mi ha regalato bellissime sensazioni già in questi giorni”.

Gioia e soddisfazione sono i sentimenti che accompagnano anche gli allenatori di Giada, capaci di guidare la giovane campionessa torinese ai vertici del pattinaggio artistico nazionale e oltre. Claudia Masoero e Edoardo De Bernardis la seguono da parecchie stagioni ormai e lo stesso De Bernardis cura le coreografie dei suoi programmi. “Giada è una grande lavoratrice e una bella pattinatrice, espressiva ed elegante” assicurano i due tecnici, “siamo orgogliosi di lei e di questa convocazione così importante, consapevoli che dovremo lavorare ancor di più per preparare l’appuntamento a cinque cerchi”.

L’argento di Giada Russo ai Campionati Italiani a questo link

Foto di Diego Barbieri

Questo sito prevede l'utilizzo dei cookie. Continuando a navigare si accetta il loro utilizzo. OK Maggiori Informazioni