Night of the Jumps 2012: evoluzioni da capogiro

Pubblicato il:   ·   Di: Marco Portinaro

Tags: , , ,

Night of the Jumps 2012 - Foto Massimo Pinca

Si è conclusa ieri la seconda delle 2 serate previste per l’evento mondiale che ha richiamato appassionati di moto freestyle da tutto il mondo, ma anche semplici curiosi attratti dai salti mozzafiato dei partecipanti al Night of the Jumps 2012. Tutto il team sport 2.0 ieri sera ha lavorato nello splendido scenario del Palaolimpico, in un’atmosfera di spettacolo e colpi di scena. Massimo, Tommy e Riccio hanno avuto accesso al backstage dell’evento. I ragazzi hanno avuto il contatto con gli atleti, simpatici, folli e bizzarri, senza il casco apparentemente quasi  “normali”, ma una volta in sella la grinta, il coraggio e la bravura si trasformavano in adrenalina e “follia” allo stato puro.

Seguire la gara è stato davvero strepitoso e credo che quella domanda “ce la farà?”, fosse una costante presente nella testa di tutti gli spettatori: davanti alle più incredibili evoluzioni con le moto,  i piloti sembravano davvero sfidare le leggi della fisica.  Non si sono esibite solamente moto sui trampolini del night of the jumps, a sorpresa Jostein Stenberg e Jason Cesc, campioni mondiali della disciplina, hanno eseguito una serie di piroette mozzafiato a bordo delle loro motoslitte; non è mancato lo spettacolo neanche durante l’intervallo, quando Massimo Bianconcini ha stabilito il nuovo record mondiale di salto in alto, portando la sua moto a 11,50m di altezza.

Si conclude così un altro importante evento per la Città di Torino, che rafforza la sua immagine sportiva in Europa e nel mondo, oltre a consolidare la sua candidatura a Città Europea dello Sport per il 2015.

di Marco Portinaro

Guarda la fotogallery di Andrea Provenzano  http://sportduepuntozero.it/foto.php?foto=6&album=72157629142071874

Guarda la fotogallery di Diego Barbieri  http://sportduepuntozero.it/foto.php?foto=2&album=72157629143239846

Guarda la fotogallery di Massimo Pinca

 

  • Condividi sui social

Lascia un commento per questo articolo